ARCHIVIO FIORAVANTI
ONLINE

Armi medievali dal lago Armi medievali dal lago Il relitto di Punta Zingara Il relitto di Punta Zingara

IN PUBBLICAZIONE
Il Gran CarroLe piroghe del lago di BolsenaArcheologia subacquea

Centro Ricerche Associazione Scuola Sub del Lago di Bolsena LA STORIA IN FONDO AL LAGO

ARMI MEDIEVALI DAL LAGO DI BOLSENA

Archeologia subacquea

 

Il lago di Bolsena

Il lago di Bolsena, con la sua superficie di 114 Km² è il più grande lago vulcanico d’Europa e il primo in assoluto nel Lazio. Ha un perimetro di 43 Km e la profondità massima di 151 m, localizzata al centro del bacino. Il fiume Marta è l’unico emissario che inizia il suo corso a sud del lago nei pressi dell’omonima cittadina, per sfociare al mar Tirreno nei pressi di Tarquinia. In prossimità della costa meridionale sorgono le isole Martana e Bisentina, residui di antichi coni vulcanici. La temperatura di superficie delle acque del lago varia dai mesi più caldi a quelli più freddi da 25°C a 8°C, mentre al di sotto dei 130 m si aggira costantemente intorno ai 7°C.
Posto a 304 m sul livello del mare, presenta un bacino imbrifero con una superficie di 273 Km² dei quali poco meno della metà sono occupati dal lago stesso. L’apporto di acqua è dato da numerose sorgenti, con diversi ruscelli e torrenti.Lago di Bolsena
Viene denominato anche “il lago che si beve” grazie alle ottime condizioni di trasparenza e limpidezza delle sue acque al punto che i pescatori le utilizzano per cuocere la “Sbroscia”, la caratteristica zuppa di pesce locale. Le ricerche scientifiche hanno accertato le ottime condizioni delle sue acque, grazie anche ad una politica di repressione delle più diffuse sorgenti di inquinamento.
Un grande contributo è venuto dal nuovo impianto di depurazione da parte del Co.Ba.L.B (Consorzio Bacino Lago di Bolsena) esempio della tecnologia più avanzata che circonda il lago.

Lago di Bolsena

 

La formazione

A differenza di quanto si potrebbe essere portati a credere, l’area del lago di Bolsena non è costituita da un solo grande cratere vulcanico riempitosi d’acqua con il trascorrere dei millenni. L’area vulsina, così è chiamato dai geologi il territorio intorno al lago, risulta invece costruita da numerosi complessi vulcanici che hanno avuto uno sviluppo articolato.
ISOLA MARTANA
Quella che oggi è l’area vulcanica dei Monti Vulsini è caratterizzata, dal punto di vista della storia della formazione geologica, da tre zone principali ben individuabili: quella di Bolsena, quella di Latera e quella di Montefiascone.
Ognuna di queste, o centri eruttivi. Nell’area di Bolsena molti crateri erano già in eruzione circa 600.000 anni fa e sono stati attivi almeno per 350.000 anni.
L’attività vulcanica nelle aree di Montefiascone e Latera invece, si manifesta nelle fasi finali del vulcanismo dell’area. Le ultime fasi eruttive del vulcano di Latera, che con ogni probabilità sono le ultime dell’intero Distretto Vulsino, risalgono a circa 150.000 anni fa.
(Per maggiori informazioni sul lago di Bolsena e sulla sua formazione puoi visitare il sito www.bolsenanew.it)

 

1 2 3 4 5 6 7

Newsletter

Resta sempre aggiornato

Iscriviti alla Newsletter

 

 

Associazione S.S.B.


    Face book Rss


  • Pensieri
    Sappiamo bene che cio' che facciamo
    non e' altro che una goccia
    nell'oceano ...
    Ma se questa goccia non ci fosse
    all'oceano mancherebbe ...


  • La difficoltà attira l'uomo di carattere, perché affrontandola si realizza.