ARCHIVIO FIORAVANTI

ONLINE

Armi medievali dal lago Armi medievali dal lago Il relitto di Punta Zingara Il relitto di Punta Zingara

IN PUBBLICAZIONE
Il Gran CarroLe piroghe del lago di BolsenaArcheologia subacquea

Centro Ricerche Associazione Scuola Sub del Lago di Bolsena

La fossa di Turona
Questa scoperta, che si inquadra nell’ampia campagna di scavo che l’École française de Rome portò avanti negli anni ’50 a Bolsena e nel territorio circostante, fin da subito fu accolta con interesse dalla letteratura archeologica. Tra l’abbondante quantità di nuovi dati che veniva dagli scavi francesi sull’acropoli della Civita d’Arlena, di epoca tardo-arcaica ed ellenistica, e nella necropoli della Capriola, inquadrabile tra il villanoviano evoluto e l’orientalizzante antico, questa piccola fossa sembrò da subito costituire una traccia di un’occupazione « archaïque » della Civita d’Arlena.
Dott. J. Tabolli Università degli studi di Roma “La Sapienza”


  • La fossa di Turona - « En contrebas de la colline de la Cività un grand nombre de fragments de vases d’impasto et de bucchero apparurent dans ce qui devait être une fosse de décharge d’un atelier d’un potier. Il semble donc, à considérer la chronologie des découvertes de cet ordre que l’occupation de la colline avait été dense surtout à l’époque archaïque ». Così Raymond Bloch descriveva nelle sue Recherches archéologiques en territoire volsinien (Paris, 1972) un singolare rinvenimento, « fortuito », come aveva scri...(segue)

  • Associazione S.S.B.


      Face book Rss


    • Pensieri
      Sappiamo bene che cio' che facciamo
      non e' altro che una goccia
      nell'oceano ...
      Ma se questa goccia non ci fosse
      all'oceano mancherebbe ...


    • La difficoltà attira l'uomo di carattere, perché affrontandola si realizza.