Centro Ricerche Associazione Scuola Sub del Lago di Bolsena

Vasa
Tutto cominciò il 16 gennaio 1625 quando il re di Svezia, Gustavo II Adolfo, stipulò con il costruttore di navi Henrik Hybertsson il contratto per la costruzione del vascello Vasa, che venne varato due anni dopo. Il 10 agosto 1628 l'enorme vascello partì per il suo primo viaggio inaugurale, ma quasi subito si rovesciò, affondando nel porto di Stoccolma. Nel 1664 mediante una campana subacquea (esposta ora al Museo), si procedette al recupero della maggior parte dei 64 cannoni ad opera di Albreckt von Trcileben e del tedesco Andreas Peckell.


  • The archaeology of a swedish royal ship of 1628 - On the 10th of August, 1628, only hours into its maiden voyage, the Swedish Royal Ship Vasa heeled over and sank in the middle of Stockholm harbour. Armed with over 60 bronze guns on two full gundecks, it was the most powerful warship in northern Europe and had been built as part of King Gustav II Adolf’s program of military reorganisation and expansion. He planned to establish Sweden as the dominant power in the Baltic and a significant player on the European stage, and for this he needed a lar...(segue)


  • Storia del naufragio di un vascello del XVII secolo e del suo recupero - Nel 1953, Anders Franzén, un ingegnere svedese appassionato di guerre navali svedesi del XVI e XVII secolo, iniziò le ricerche sul Vasa in archivio, e da lì passò poi a sondare, armato di scandaglio, sonda e mappe, le acque del porto di Stoccolma. Egli sapeva che nel freddo mar Baltico non alligna la teredine navale e contava perciò di trovare il vascello in buone condizioni. Dopo tre anni, il 25 agosto 1956, lo scandaglio munito di fustella tornò in superficie con un pezzetto di quercia annerit...(segue)

  • Associazione S.S.B.


      Face book Rss


    • Pensieri
      Sappiamo bene che cio' che facciamo
      non e' altro che una goccia
      nell'oceano ...
      Ma se questa goccia non ci fosse
      all'oceano mancherebbe ...


    • La difficoltà attira l'uomo di carattere, perché affrontandola si realizza.